Essere #comunità, in una fase difficile

Spazio: 
Tipo di news: 
News
 
10 marzo 2020
Essere #comunità, in una fase difficile.
 
 
Stiamo vivendo un tempo davvero fuori dal consueto, con una emergenza sanitaria che rappresenta per molti di noi un fatto inedito.
Le preoccupazioni in questo momento sono molte, prima di tutto per la salute di tutti noi e in particolare di chi è più fragile. Ma anche per l'isolamento sociale che proprio le persone con meno reti potranno patire, oltre che per la preoccupazione economica di tenuta dell'intero sistema Paese e, nel nostro piccolo, per le nostre Associazioni e per gli altri soggetti di #TerzoSettore che certamente vivranno un periodo complicato, per la sospensione delle attività, per la revoca di alcuni servizi, per il calo della domanda dei propri servizi e delle proprie attività.
Sono giorni in cui è fondamentale mantenere calma e lucidità, in cui dobbiamo essere capaci di aspettare, di lasciare andare, di concentrarci sulle cose che pur in emergenza sanitaria si possono ancora fare, nella salvaguardia delle persone più fragili per le quali contrarre il virus potrebbe essere molto pericoloso.
Siamo chiamati anche ad innovare, a strutturate "modi nuovi" per svolgere le nostre attività privilegiando la modalità "a distanza". Siamo chiamati a investire sulla #comunità in modo nuovo e rinnovato: pur in un momento complicato in cui ci viene chiesto di sospendere temporaneamente quei #legami sociali vissuti in presenza, dobbiamo trovare i modi più adatti per rinnovarli con altre attenzioni e forme di cura che non richiedano la presenza, ma che sappiano costruire una qualche forma di "#vicinanza e #mutualità".
 
Speriamo di uscirne come Paese un po' più capaci di investire nei legami e nella solidarietà, e un po' meno presi dalla paura dell'altro e del diverso.
 
Un pensiero riconoscente va a tutti i medici, infermieri e operatori di un sistema sanitario che è stato spesso oggetto di tagli e di scarsi investimenti negli anni corsi: personale medico e infermieristico che sta affrontando un periodo davvero difficile, con grande impegno e dedizione, con una speciale cura per chi è stato già colpito da questo virus.